Sito Ufficiale Parrocchia San Nicola Torelli di Mercogliano

Parrocchia San Nicola di BariTorelli di MercoglianoDiocesi di Avellino

Parrocchia San Nicola di Bari Torelli di Mercogliano Diocesi di Avellino
Parrocchia San Nicola di Bari Torelli di Mercogliano Diocesi di Avellino
Parrocchia San Nicola di Bari
Torelli di Mercogliano
Diocesi di Avellino
Parrocchia San Nicola di Bari
Torelli di Mercogliano
Diocesi di Avellino
Vai ai contenuti
Carissimi amici benvenuti, il sito vuole essere un’occasione di conoscenza della vita e delle attività della nostra Parrocchia che è situata a Torelli, una frazione del Comune di Mercogliano situato in Provincia di Avellino. Vorremmo anche essere nel nostro piccolo, una finestra aperta sul mondo e contribuire a far conoscere qualcosa del nostro paese che come tutte le realtà della nostra Campania vive certo situazioni difficili, ma è anche ricca di umanità e notevoli potenzialità. Speriamo di poter con questo mezzo contribuire alla reciproca conoscenza ed alla diffusione del Vangelo che è la nostra prima speranza.
Il Parroco
Don Modestino Limone
Uniti nella preghiera ce la faremo
È stata una prima parte dell’anno estenuante e davvero impegnativa per i noti fatti. Dopo un periodo di smarrimento, soprattutto per merito di Don Modestino che mai come in questo periodo ha voluto far sentire la sua presenza ma soprattutto la presenza di Dio in mezzo a noi, abbiamo messo in atto varie iniziative. Abbiamo cercato di tenervi aggiornati su quanto accadeva nella nostra comunità, abbiamo iniziato la diretta facebook della Santa Messa nel giorno di Pasqua quando oramai tutti avevamo capito che la situazione si sarebbe allungata nel tempo. Quella Chiesa vuota e fredda durante la celebrazione si riempiva di calore, noi tutti eravamo li con il nostro cuore, quell'edificio rimbombava di un silenzio assordante. Ci piace ricordare qualche vostro motto che abbiamo fatto nostro: “Insieme nella preghiera c’è la faremo” o “Distanti ma uniti” e forse mai come in questi ultimi anni abbiamo recuperato il senso di comunità e unità in Cristo Nostro Signore. Ora ci sembra logico concederci una breve vacanza, voi lettori, come noi collaboratori e amministratori del sito web e della pagina facebook, per cui vi informiamo che le rubriche del nostro sito saranno sospese e riprenderanno nel mese di settembre. Continueremo a tenervi aggiornati sugli eventi che saranno fatti nella nostra comunità, soprattutto nel periodo della festa patronale, e sullo scorrere dell’anno liturgico.
Buone vacanze a tutti...
A Torelli sono le ore
Box informazioni
box foto
Box Azione Cattolica
Notiziario e avvisi
.
Seguici su
09 agosto 2020 -XIX domenica del tempo ordinario- anno A
Le letture presentano due scene di teofania: al profeta Elia Dio si manifesta nella brezza all’imbocco della caverna dell’Oreb; agli apostoli e a Pietro, in particolare, Dio si manifesta nella persona di Gesù che domina il mare (prima lettura e vangelo). Quale sia il messaggio contenuto in queste due rivelazioni di Dio, ce lo mostra il salmo responsoriale che parla di salvezza ormai prossima espressa nella ricca terminologia di misericordia, pace, grazia, fedeltà, giustizia. Dio viene incontro all’uomo specialmente nei momenti di necessità, quando questi lo invoca con fede. Il Dio dei profeti e di Gesù è colui che prende le difese dei poveri e dei deboli, e che delude le speranze di coloro che vogliono disporre della sua potenza. Egli non è nei fenomeni naturali grandiosi e violenti: vento, terremoto, fuoco; ma nel soffio leggero della brezza, quasi a significare la spiritualità e l’intimità delle manifestazioni di Dio all’uomo. La Chiesa rivive, così, l’esperienza del pellegrinaggio dell’Esodo. La fede sua, come quella di Pietro, è messa a dura prova, ma la mano di Gesù che salva dal baratro non cessa mai di stendersi. Gesù offre dunque alla sua Chiesa la vittoria sulle forze del male e la sicurezza nelle prove, ma richiede come condizione essenziale una fiducia senza tentennamenti.

Devozione del mese di agosto
Agosto è il mese dedicato a Dio Padre Onnipotente. E' il mese delle vocazioni nelle varie modalità e cioè sacerdotale, matrimoniale, religiosa e laicale. Nella sua grande bontà Dio Padre distribuisce i suoi doni a ciascuno come meglio crede. I laici in modo particolare assumono la propria missione nel mondo come "sale delle terra e luce nel mondo". Il cuore dell'estatre è Lei: la Vergine Maria della quale celebriamo l'Assunzione. Tale solennità è tutta una esplosione di vita che ci induce a guardare in alto e aprire il cuore alla speranza. Papa Pio XII nel 1950 proclamò il dogma di fede dell'Assunzione di Maria Vergine.  Le Chiese Ortodosse celebrano nello stesso giorno la festa della Dormizione della Vergine.
Periodo dell'anno liturgico
TEMPO ORDINARIO -SECONDA PARTE-
Ci trioviamo  ad entrare nella seconda fase del tempo ordinario che ha inizio subito dopo la Pentecoste del 31 maggio 2020.  Questa fase è più lunga di quella precedente, in cui si celebra sempre la totalità del mistero della salvezza, morte e resurrezione del Signore, mediante la partecipazione  all'Eucarestia domenicale dei cristiani riuniti in assemblea. La domenica appare come giorno di riposo dal lavoro inteso come orientamento verso la contemplazione e la comunione con Dio. Giorno della speranza e della libertà.  Le lletture evangeliche ci presentano la vita di Cristo a contatto con la vita degli uomini e delle donne del suo tempo fino alla ultima salita a Gerusalemme. Le festività più importanti di questo periodo sono la Santissima Trinità il 7 giugno e il Corpo e il sangue di Cristo il 14 giugno. Sant'Anna e San Gioacchino il 26 luglio. Assunzione delle Beata vergine Maria il 15 agosto. La festività dei Santi patroni San Nicola di Bari e Sant'Antonio da Padova verrà probabilmente sospesa a causa della pandemia da coroinavirus-19. Madonna di Montevergine il 1 settembre. Esaltazione della Santa Croce il 14 settembre. San Francesco d'Assisi il 4 ottobre. San Giovasnni XXIII L'11ottobre. Festa di tutti i Santi il 1 novembre. Cristo Re dell'Universo il 22 novembre. Le domeniche e le festività sono tappe in cui Dio ci parla e attende la nostra risposta di fede, di supplica delle grazie di cui abbiamo bisogno. Questo è lo Spirito che anima le domeniche e  le festività dalla Pentecoste all'Avvento.
Il vangelo dell'anno liturgico -ciclo A-
Il Vangelo di Matteo è il primo vangelo scritto in lingua ebraica tra gli anni 80 e 100 ed essendo Matteo intriso di cultura ellenistica ed esattore delle tasse, ne consegue uno stile solenne quasi liturgico anche se Matteo predilige racconti essenziali. Il Vangelo di Matteo si compone di 7 parti distinte tra loro. Il nucleo centrale è formato da 5 discorsi, ognuno dei quali è separato dagli altri. Il Vangelo di Matteo è strutturato come una cattedrale a 5 navate (i 5 discorsi) con un atrio (infanzia) e un'abside (morte e resurrezione). In merito a ciò la suddivisione del Vangelo di Matteo è la seguente. Dopo la presentazione dell'origine e del destino di Gesù, si ha la proclamazione del regno dei cieli in parole e in opere e quindi la rivelazione di Gesù. Matteo ragruppa l'insegnamento orale di Gesù in 5 grandi discorsi: quello della montagna, quello missionario, delle parabole, sulla chiesa, sulla venuta finale. I miracoli sono ragruppati in due capitoli. La nuova giustizia consiste nel vivere da figli del Padre e compiere la sua volontà nell'amore fraterno. Tutti i discepoli sono impegnati al massimo affinchè la venuta gloriosa del Figlio dell'uomo ponendo termine alla storia umana, la sottoporrà a severo giudizio. Il Vangelo di Matteo non viene letto sempre in forma continua, la quale riprenderà dalla terza domenica dell'anno e proseguirà, dopo le interruzioni della Pentecoste, fino alla festa dio Cristo Re.
L'angolo del libro
IL RIPOSO ESTIVO SECONDO L'INSEGNAMERNTO DEI PAPI
"Nel mondo in cui viviamo diventa una necessità potersi ritemprare nel corpo e nello spirito, specialmente per chi abita in città, dove spesso le condizioni di vita frenetiche lasciano poco spazio al silenzio, alla riflessione e al distensivo contatto con la natura. Le vacanze sono giorni nei quali ci si può dedicare più a lungo alla preghiera, alla lettura e alla meditazione sui significati profondi della vita, nel contesto sereno della propria famiglia. Le vacanze offrono la possibilità di godere degli spettacoli suggestivi della natura. A contatto con la natura l'uomo si scopre creatura piccola capace di Dio e percepisce nel mondo circostante l'impronta della bontà, della bellezza della provvidenza divina."
Valle d'Aosta - Les Combes- 17 Luglio 2005 -  Papa BENEDETTO XVI

"Rivolgo un pensiero beneaugurante a quanti trascorrono in meritato riposo, il tradizionale periodo di ferie. Auguro a tutti che questa occasione vi metti a contatto con la natura, scrigno delle ineffabili bellezze di Dio Creatore. Mi è caro auspicare che alle rinnovate energie del corpo sia compiuto l'arricchimento dello spirito. E' importante che il riposo non sia un andare nel vuoto. Il rposo deve essere riempito con la natura, con il mare, con le foreste, con il silenzio attraverso il quale l'uomo riesce ad ascoltare la voce di Dio che lo rende libero"
Castelgandolfo  15 Agosto 1979 -  San Giovanni Paolo II

Per il periodo estivo ci permettiamo suggerire l'uso quotidiano del sussidio:
"Ti ho preso per mano"
della casa editrice AVE


Clicca sul titolo per visualizzare la copertina
Esercizi Spirituali
ISTRUZIONI OPERATIVE SUGLI ESERCIZI SPIRITUALI NEL PERIODO ESTIVO DESTINATE A FEDELI DI BUONA VOLONTA' NELLA QUOTIDIANITA' DELLA VITA.


VALIDITA' TEMPORALE DUE GIORNATE.  
PER CHI LAVORA SI SUGGERISCE IL BINOMIO SABATO + DOMENICA.


Cosa sono gli esercizi spirituali?  Esercitarsi è l'attività volta a mantenere ed accrescere il livello di vitalità nella intelligenza, nel fisico, ma anche nello spirito. Questo è il senso degli esercizi spirituali.  La novità è che faremo gli esercizi spirituali continuando le nostre normali occupazioni. Occorre solo la buona volontà. Ognuno deve tirarla fuori dalle grandi risorse che sono dentro di noi. Gli esercizi spirituali devono insegnarci a convertire il tempo in tempo di qualità con Cristo.  Alcuni  accorgimenti strumentali per creare un clima di silenzio esteriore.
1) Stare lontani dal cellulare, usarlo solo se strettamente necessario. Ascoltare solo il telegiornale.
2) Durante la giornata leggere il Vangelo del giorno con successiva meditazione.
3) Sostare in adorazione eucaristica presso il tabernacolo.
4) Recitare le Lodi e il Rosario.
5) Fare letture spirituali.
6) Privilegiare il silenzio interiore.
Schema generale e flessibile della giornata e degli elementi ineludibili.
  • SVEGLIA
  • LODI  MATTUTINE E BREVE PREGHIERA DEL MATTINO (25 MINUTI)
  • PARTECIPAZIONE ALLA SANTA MESSA  (di mattino o di pomeriggio)
  • LETTURA DEL VANGELO DEL GIORNO  ( 15 MINUTI)
  • ESAME DI COSCIENZA PRIMA DEL PRANZO  (10 MINUTI)
  • ORA MEDIA A SESTA ( ORE 12)
  • PRANZO
  • RECITA DEL SANTO ROSARIO
  • LETTURA BREVE DELLA VITA DI UN SANTO O SANTA
  • ADORAZIONE  EUCARISTICA
  • I VESPRI
  • CENA
  • ESAME DI COSCIENZA
  • PREGHIERA DELLA SERA -  COMPIETA
  • NOTTE
Parrocchia San Nicola di Bari Torelli di Mercogliano (AV) Diocesi di Avellino C.F. 92105810649
Parrocchia San Nicola di Bari Torelli di Mercogliano (AV) Diocesi di Avellino C.F. 92105810649
Torna ai contenuti