Sito Ufficiale Parrocchia San Nicola Torelli di Mercogliano

Parrocchia San Nicola di BariTorelli di MercoglianoDiocesi di Avellino

Parrocchia San Nicola di Bari Torelli di Mercogliano Diocesi di Avellino
Parrocchia San Nicola di Bari Torelli di Mercogliano Diocesi di Avellino
Parrocchia San Nicola di Bari
Torelli di Mercogliano
Diocesi di Avellino
Parrocchia San Nicola di Bari
Torelli di Mercogliano
Diocesi di Avellino
Vai ai contenuti
Carissimi amici benvenuti, il sito vuole essere un’occasione di conoscenza della vita e delle attività della nostra Parrocchia che è situata a Torelli, una frazione del Comune di Mercogliano situato in Provincia di Avellino. Vorremmo anche essere nel nostro piccolo, una finestra aperta sul mondo e contribuire a far conoscere qualcosa del nostro paese che come tutte le realtà della nostra Campania vive certo situazioni difficili, ma è anche ricca di umanità e notevoli potenzialità. Speriamo di poter con questo mezzo contribuire alla reciproca conoscenza ed alla diffusione del Vangelo che è la nostra prima speranza.
Il Parroco
Don Modestino Limone
Uniti nella preghiera ce la faremo
A Torelli sono le ore
Box informazioni
box foto
Box Azione Cattolica
Notiziario e avvisi
Si comunica che con ordinanza del sindaco di Mercogliano il cimitero resterà chiuso nei giorni 31 ottobre e 1-2 novembre. Domenica 1 novembre alle ore 15.00 alla sola presenza delle autorità civili e religiose sarà deposta una corona di fiori in memoria di tutti i defunti, seguirà un momento di preghiera con tutti i sacerdoti della comunità di Mercogliano. Il tutto sarà visibile sulle pagina facebook della testata giornalistica online "Mercurio l'informazione asettica" e che la nostra pagina facebook condividerà.
Seguici su
01 novembre 2020 -Tutti i Santi- solennità
Festeggiare tutti i santi è guardare coloro che già posseggono l’eredità della gloria eterna. Quelli che hanno voluto vivere della loro grazia di figli adottivi, che hanno lasciato che la misericordia del Padre vivificasse ogni istante della loro vita, ogni fibra del loro cuore. I santi contemplano il volto di Dio e gioiscono appieno di questa visione. Sono i fratelli maggiori che la Chiesa ci propone come modelli perché, peccatori come ognuno di noi, tutti hanno accettato di lasciarsi incontrare da Gesù, attraverso i loro desideri, le loro debolezze, le loro sofferenze, e anche le loro tristezze. Questa beatitudine che dà loro il condividere in questo momento la vita stessa della Santa Trinità è un frutto di sovrabbondanza che il sangue di Cristo ha loro acquistato. Nonostante le notti, attraverso le purificazioni costanti che l’amore esige per essere vero amore, e a volte al di là di ogni speranza umana, tutti hanno voluto lasciarsi bruciare dall’amore e scomparire affinché Gesù fosse progressivamente tutto in loro. È Maria, la Regina di tutti i Santi, che li ha instancabilmente riportati a questa via di povertà, è al suo seguito che essi hanno imparato a ricevere tutto come un dono gratuito del Figlio; è con lei che essi vivono attualmente, nascosti nel segreto del Padre.
Devozione del mese di ottobre
Il mese di ottobre è dedicato al Santo Rosario.  La recita del Rosario è da sempre unita alla promessa di ottenere un'indulgenza plenaria. La rosa è il fiore simbolo di Maria e nel medioevo si usava decorare la statua di Maria con corone di rose; da queste corone nacque la corona del rosario. Nel 1571 in occasione della battaglia di Lepanto, papa Pio V  invitò tutti i cristiani a pregare con il rosario per invocare la vittoria sugli ottomani.  E' anche il mese dedicato alle missioni, cioè ai discepoli di buona volontà che evangelizzano in tutto il mondo e agli Angeli custodi.
Periodo dell'anno liturgico
TEMPO ORDINARIO -SECONDA PARTE-
Ci trioviamo  ad entrare nella seconda fase del tempo ordinario che ha inizio subito dopo la Pentecoste del 31 maggio 2020.  Questa fase è più lunga di quella precedente, in cui si celebra sempre la totalità del mistero della salvezza, morte e resurrezione del Signore, mediante la partecipazione  all'Eucarestia domenicale dei cristiani riuniti in assemblea. La domenica appare come giorno di riposo dal lavoro inteso come orientamento verso la contemplazione e la comunione con Dio. Giorno della speranza e della libertà.  Le lletture evangeliche ci presentano la vita di Cristo a contatto con la vita degli uomini e delle donne del suo tempo fino alla ultima salita a Gerusalemme. Le festività più importanti di questo periodo sono la Santissima Trinità il 7 giugno e il Corpo e il sangue di Cristo il 14 giugno. Sant'Anna e San Gioacchino il 26 luglio. Assunzione delle Beata vergine Maria il 15 agosto. La festività dei Santi patroni San Nicola di Bari e Sant'Antonio da Padova verrà probabilmente sospesa a causa della pandemia da coroinavirus-19. Madonna di Montevergine il 1 settembre. Esaltazione della Santa Croce il 14 settembre. San Francesco d'Assisi il 4 ottobre. San Giovasnni XXIII L'11ottobre. Festa di tutti i Santi il 1 novembre. Cristo Re dell'Universo il 22 novembre. Le domeniche e le festività sono tappe in cui Dio ci parla e attende la nostra risposta di fede, di supplica delle grazie di cui abbiamo bisogno. Questo è lo Spirito che anima le domeniche e  le festività dalla Pentecoste all'Avvento.
Il vangelo dell'anno liturgico -ciclo A-
Il Vangelo di Matteo è il primo vangelo scritto in lingua ebraica tra gli anni 80 e 100 ed essendo Matteo intriso di cultura ellenistica ed esattore delle tasse, ne consegue uno stile solenne quasi liturgico anche se Matteo predilige racconti essenziali. Il Vangelo di Matteo si compone di 7 parti distinte tra loro. Il nucleo centrale è formato da 5 discorsi, ognuno dei quali è separato dagli altri. Il Vangelo di Matteo è strutturato come una cattedrale a 5 navate (i 5 discorsi) con un atrio (infanzia) e un'abside (morte e resurrezione). In merito a ciò la suddivisione del Vangelo di Matteo è la seguente. Dopo la presentazione dell'origine e del destino di Gesù, si ha la proclamazione del regno dei cieli in parole e in opere e quindi la rivelazione di Gesù. Matteo ragruppa l'insegnamento orale di Gesù in 5 grandi discorsi: quello della montagna, quello missionario, delle parabole, sulla chiesa, sulla venuta finale. I miracoli sono ragruppati in due capitoli. La nuova giustizia consiste nel vivere da figli del Padre e compiere la sua volontà nell'amore fraterno. Tutti i discepoli sono impegnati al massimo affinchè la venuta gloriosa del Figlio dell'uomo ponendo termine alla storia umana, la sottoporrà a severo giudizio. Il Vangelo di Matteo non viene letto sempre in forma continua, la quale riprenderà dalla terza domenica dell'anno e proseguirà, dopo le interruzioni della Pentecoste, fino alla festa dio Cristo Re.
Pillole di Letteratura Cristiana Antica
SAN BONAVENTURA DA BAGNOREGIO
Nato a Civita da Bagnoregio nel 1217 iniziò i suoi studi presso il convento di San Francesco e successivamente studiò facoltà delle Arti e Teologia presso lo studio di Parigi. Nel 1253 divene maestro di teologia ed entrò nell'ordine del Frati minori. Divenuto ministro generale dell'ordine francescano nel 1257 si dedicò  a combattere l'aristotelismo. Nel 1273 papa Gregorio X lo creò cardinale-vescovo e nel contempo produsse un vasto numero di opere teologiche. NEL 1274 partecipò al Concilio di Lione durante il quale misteriosamente morì nel 1274. Papa Sisto IV lo lo canonizzò nel 1482 e papa Sisto V NEL 1588 lo nominò DOTTORE DELLA CHIESA.
   
Diocesi di Avellino -Centro Pastorale familiare
L'angolo del libro
Questo angolo vuol essere per i nostri lettori una semplice guida per la scelta di un libro storico e/o religioso da leggere, Per i prossimi 15 giorni ci permettiamo suggerire la lettura del seguente testo:
Con il TEATRO DEI SOGNI Andrea De Carlo applica le sue capacità di osservazione sociale, di indagine psicologica a un romanzo contemporaneo e fa emergere verità, segreti, ambizioni, paure dei protagonisti.
Clicca sul titolo per visualizzare la copertina
Magistero della Chiesa
FRATELLI TUTTI
La nuova lettera di papa Francesco si rivolge a tutti i fratelli e le sorelle e a  tutte le persone di buona volontà per far rinascere un'aspirazione mondiale alla fraternità. L'Enciclica si compone di otto capitoli, 287 numeri scritti in spagnolo, poi tradotti. Nel primo capitolo il papa conduce una analisi dettagliata delle storture del mondo contemporaneo come la manipolazione dei concetti di democrazia e libertà, la perdita del senso storico, l'egoismo, l'individualismo, il prevalere dell'economia, lo scarto umano, il razzismo e in ultimo la povertà. Il capitolo si conclude con la denuncia della cultura dei muri e di una comunicazione denigratoria. Papa Francesco indica come esempio da seguire l'operato del Buon Samaritano. Accogliere i migranti e fornire loro una dignitosa accoglienza. Critica la supremazia dell'economia sulla politica, fonte di numerose situazioni di conflitti che allontanano la pace. L'enciclica si conclude con due preghiere, una al Creatore e l'altra cristiana ecumenica per infondere uno spirito di fratelli.

Pillole di Storia
150^ anniversario della breccia di Porta Pia.
Alle prime luci del mattino del 20 settembre il generale Raffaele Cadorna dà l'ordine di aprire il fuoco con i cannoni, la breccia è aperta a pochi metri da Porta Pia. I difensori non oppongono resistenza. Il potere temporale dei papi è cessato dopo 1000 anni. Pio IX, sdegnato, si rifugia in Vaticano dichiarandosi prigioniero politico dello Stato Italiano.
Personaggi illustri
GUIDO DORSO
Nato ad Avellino nel 1892, studiò filosofia politica fin dalla giovane età. Si laureò in giurisprudenza nel 1915 e partecipò come ufficiale al primo conflitto mondiale. Si dedicò all'attività giornalisticxa dirigendo Il Corriere dell'Irpinia fino al 1923. Dal 1923 al 1925 collaborò con Piero Gobetti, direttore di Rivoluzione Liberale stampata a Torino. Nel periodo fascista esercitò l'avvocatura. Riprese l'attività politica nel 1944 iscrivendosi al Partito d'Azione con lo scopo di riprendere la questione meridionale e la formazione di una nuova classe dirigente. Collaborò con la rivista Azione stampata a Napoli. Gli fu offerta la direzione della Nazione di Firenze, ma fu costretto a rifiutare a causa della sua malferma salute. Morì ad Avellino nel 1947.  
Parrocchia San Nicola di Bari Torelli di Mercogliano (AV) Diocesi di Avellino C.F. 92105810649
Parrocchia San Nicola di Bari Torelli di Mercogliano (AV) Diocesi di Avellino C.F. 92105810649
Torna ai contenuti